Secondo gli esperti, l’e-commerce nel settore food è in rapida crescita anche in Italia. Gli italiani, infatti, si starebbero abituando all’idea di effettuare sul web acquisti di prodotti di genere alimentare, al pari di altri beni di consumo come viaggi, hi-tech e abbigliamento. I dati sono illustrati nel rapporto dell’osservatorio eCommerce B2c, promosso dalla School of Management e da Netcomm, e presentato ieri al Politecnico di Milano. La ricerca confermerebbe che il Food&Grocery è uno dei settori più promettente nel panorama eCommerce B2c in Italia, sia per il fermento mostrato dall’offerta negli ultimi due anni che – soprattutto – per l’enorme potenziale ancora inespresso.

Secondo lo studio, infatti, dei 20 milioni di italiani che fanno regolarmente acquisti online, il 24% circa ha acquistato almeno un prodotto alimentare negli ultimi 6 mesi. Ma confrontando questi numeri con quelli degli altri Paesi, l’Italia è ancora indietro perché nel nostro Paese l’incidenza degli acquisti su internet è pari allo 0,5% del totale. Il dato è comunque comunque in crescita.

Si tratta di un cambio di rotta dettato anche dalle sempre più numerose iniziative online della GdO, dallo sviluppo di servizi innovativi, come il same day delivery, e dalla rapida espansione del segmento della Ristorazione.

“Stiamo assistendo a un’inversione di tendenza dovuta alla crescita elevata delle Dot Com (la cui incidenza sul settore passa dal 32% del 2016 al 41% del 2017) anche grazie al rapido sviluppo del segmento legato alla consegna dei piatti pronti”.”, afferma Riccardo Mangiaracina, Direttore scientificodell’Osservatorio eCommerce B2c Netcomm Politecnico di Milano.

Condividi con i tuoi amici!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *